30 Ottobre 2015

Una zucca zuccosissima

di Silvia Claudia Pedrotti

Si inaugura oggi una nuova rubrica che presenta un diverso prodotto alimentare, analizzandone caratteristiche e presentando la sua storia. Vi presenteremo anche una ricetta secondo noi tra le più interessanti trovate sul web, ma naturalmente i nostri sommelier vi proporranno l’abbinamento perfetto!
Essendo questa la settimana di Halloween, è ovvio che parleremo della zucca!
La zucca è un nome generico utilizzato per indicare diverse varietà di frutti appartenenti alla categoria delle cucurbitacee. È arrivata in Europa dall’America Centrale come il pomodoro e la patata, e rappresenta uno degli ortaggi più versatili che possiamo trovare sulle nostre tavole, prestandosi a preparazioni dolci e salate e negli abbinamenti più originali.
La zucca ha un ruolo importantissimo anche nella tradizione culinaria italiana: quella che vi presentiamo oggi è la ricetta dei mitici tortelli mantovani nell’interpretazione più classica trovata. Fondamentale quindi utilizzare la varietà di zucca Delica, tipica della zona del mantovano, piccola (la pezzatura migliore è quella intorno al kg) tondeggiante e schiacciata ai poli.
Dalla Buccia spessa e scura, ha poca polpa di colore giallo-arancio vivo. Un lieve sentore di melone da fresca appena tagliata, una consistenza soda e poco umida, assume un retrogusto di castagna se cotta in forno, con un sapore dolce e molto intenso.
Una zucca zuccosissima.

Consiglio: se ne acquistate troppa, pulitela, fatela a pezzi e congelatela: potrete poi metterla sul fuoco direttamente surgelata, per preparare creme e sughi per vellutate, pasta o riso.
Ma veniamo alla ricetta dei tortelli! Premesso: avere una nonna originaria del Polesine che a partire da settembre e all’avvicinarsi delle feste comandate sforna tortelli come se non ci fosse un domani, ha aiutato la mia autostima nel dire che potevo farcela. Ma nello scartabellare in internet, per trovare conferma moderna ai saperi trasmessi dalla progenitrice, ho trovato questa ricetta che mi ha entusiasmato per l’integralismo delle affermazioni. Godetevela!

Variante
La mia supernonna li condisce con un sugo di solo pomodoro o con un ragù di salsiccia, che sostiene e bilancia il dolce del ripieno.

Abbinamento
Con i tortelli conditi con burro, salvia e parmigiano l’estasi si raggiunge con questo vino:
Oslavje 2005 – Radikon: aromaticità, struttura e sapidità che esaltano perfettamente il piatto.

SOMMELIER STORIES
Fisar Milano Duomo e lo Spirito del Natale!

Cogliendo al volo un impeto di tradizionalismo natalizio, quest’anno siamo riusciti non solo a organizzare il consueto pomeriggio dedicato agli Auguri Natalizi (e Capodannizi) per Soci, simpatizzanti, amici, parenti e…

Leggi
Cioccolato, che passione!

Questa volta la suggestione iniziale era: proviamo a vedere se ci riesce di andare un pochino oltre l’ABC della teoria dell’abbinamento. O meglio, prendiamo il tema che vogliamo trattare e,…

Leggi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi tutte le novità sugli eventi, i corsi e i contenuti di Fisar MIlano Duomo