12 Settembre 2013

La pienezza dei vini bianchi strutturati

Freschezza, profumi di fiore e frutta bianca ma anche una bella sensazione di sostanza in bocca.

Fa caldo ma chi ha detto che dobbiamo bere soltanto vini “leggeri” che scendono giù come l’acqua?
I vini bianchi strutturati ci danno un’impressione di pienezza, quasi di masticazione: si abbinano molto bene con dei primi di carattere, come la pasta con le sarde, o con carni bianche, come il coniglio in porchetta marchigiano: cucinato con gli odori, non avere paura, non c’entra nulla con la porchetta delle fiere della domenica!
Potete scegliere di abbinarlo con un pecorino o un Verdicchio di Matelica, vini tipici marchiggiani, in Campania con un Greco di Tufo o un Fiano d’Avellino oppure sperimentare con un Vin Jaune francese.
Ma questa è un altra storia che presto vi racconteremo!

SOMMELIER STORIES
Fisar Milano Duomo e lo Spirito del Natale!

Cogliendo al volo un impeto di tradizionalismo natalizio, quest’anno siamo riusciti non solo a organizzare il consueto pomeriggio dedicato agli Auguri Natalizi (e Capodannizi) per Soci, simpatizzanti, amici, parenti e…

Leggi
Cioccolato, che passione!

Questa volta la suggestione iniziale era: proviamo a vedere se ci riesce di andare un pochino oltre l’ABC della teoria dell’abbinamento. O meglio, prendiamo il tema che vogliamo trattare e,…

Leggi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi tutte le novità sugli eventi, i corsi e i contenuti di Fisar MIlano Duomo